Troticotura - Salviamo la Lunigiana

Vai ai contenuti

Menu principale:


FERMIAMO I TUBI
NEI NOSTRI TORRENTI
L'ASSALTO AI TORRENTI IN LUNIGIANA E' COMINCIATO

Danno paesaggistico e danno ambientale sull'Osca a Tresana, proprio sotto il castello

Il Comitato Osca a Tresana, nato per la lotta contro la centrale idroelettrica in progetto, sta anche seguendo da vicino i lavori per la ricostruzione dell'impianto di troticoltura di proprietà di "Il Giardino" S.r.l. di Pasquali Alessandro, andato distrutto dall'alluvione del 2011. Prima che l'alluvione distruggesse l'impianto, i cittadini avevano denunciato l'impatto igienico sanitario dell'impianto e soprattutto la totale mancanza di controlli sull'attività dell'impianto e sul suo impatto sul fiume e sulla comunità di Tresana. Nello stesso tratto del torrente inoltre sono scaricati i reflui del depuratore. Un ambiente fluviale quindi già sotto notevole stress, che dovrebbe essere recuperato e tutelato e non invece oggetto di nuove captazioni che potrebbero segnarne la morte definitiva.

Guardate quanto sia FUORI SCALA la troticoltura rispetto al resto del paesaggio di Tresana!

La seguente galleria fotografica documenta l'impressionante impatto sul paesaggio e contesto storico di Tresana e del suo castello della nuova costruzione e lo scempio dei tubi sul torrente. Ci chiediamo come sia stato possibile autorizzare un tale scempio. Al solito un bene pubblico viene sfruttato e danneggiate solo per un profitto privato. Inoltre a nulla è valsa la distruzione dell'impianto da parte del Torrente il 25 Ottobre 2011. Lì era, lì è stato distrutto, lì viene ricostruito. Inoltre la troticoltura "Il Giardino" S.r.l. di Pasquali Alessandro ha richiesto la captazione del torrente ad uso idroelettrico. L'edificio di centrale dell'impianto idroelettrico, secondo il progetto presentato alla Provincia, dovrebbe essere costruito proprio accanto alla vasche. Se autorizzato, sarebbe un'ulteriore colpo inferto al torrente e al paesaggio di Tresana già duramente danneggiati. Che succederà alla prossima alluvione?

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu